Benvenuti cari Internauti su Kiwi il sito di cui, come dice l’intestazione stessa, non ce n’era affatto bisogno e di cui non se ne sentiva affatto la mancanza, ma tant’è ormai i vostri astro-modem vi hanno portato fino a qui e dunque perché non dare un’occhiata? Soprattutto perché, dal momento che questo Blog è in rete dal settembre 2008, parecchie sono le cose interessanti. Innanzitutto i racconti e le storie che troverete verranno periodicamente cambiate e archiviate sperando che, almeno prima o poi, qualcuna di esse sia di vostro gradimento. A tal proposito vi segnalo la nuova sezione in cui potrete leggerei nuovi e vecchi racconti, inediti e non. Poi, poiché il Blog è mio e me lo gestisco io, troverete le Slideshow di alcuni fumetti realizzati con grandi artisti, oltreché amici, e le rispettive sceneggiature originali (per chi è interessato). Ho dato anche un piccolo spazio ad una passione che mi ha contagiato: la fotografia ed ho inserito un piccolo filmato di quel genio senza pari che è Neil Gaiman, registrato al Festivaletteratura di Mantova.

Per ora è tutto, buona navigazione...


mercoledì 15 ottobre 2008

Anni ‘80

Ok non sto bene…mentalmente intendo, fisicamente non c’è neanche male a parte un leggero mal di gola, così imparo ad andare a corre in maglietta ad Ottobre. Ma torniamo a noi: stamattina, guardandomi allo specchio, mi son venuti in mente i Mon Cicci. Non fate quella faccia, chiunque di voi abbia più di trent'anni sa di cosa sto parlando. I Mon Cicci (o Monchhichi in giapponese) erano quelle sottospecie di orsetti che andavano tanto di moda nei mitici anni ‘80, ma la loro nascita è del ‘75. Io ne avevo uno marrone piccolino che se gli schiacciavi la schiena apriva le braccina a mo’ di pinza e te lo attaccavi dove volevi, alla maglietta, alla cartella, quelli fichi ai passanti dei jeans. bhè per farla breve, visto, appunto, il fatto che non sono tanto sano di testa, ho smanettato in internet invece di lavorare e, sorpresa, ho scoperto l’esistenza del Sito Europeo dei Monchhichi di cui, ovviamente, non potevo non rendervi partecipi. L’economia mondiale è allo sfascio, la scuola italiana ai minimi termini, c’è chi sostiene che Bush sia stato un grande presidente (neppure il diretto interessato ci crede) ma i Mon Cicci o Monchhichi (che dir si voglia) resistono sempre e comunque…da 33 anni ormai. Non so se sentirmi rassicurato o sconvolto. Dovrò parlarne con Uan, il mio analista.

untitled

Foto tratta dal sito Monchhichi Official Homepage. Tutti i diritti riservati.

3 commenti:

emiliano ha detto...

(tanto so che me lo cancellerai caro il mio Kiwi...ma non resisto).
devi sapere che il monchichi ha contribuito per 33 anni alla scoperta sessuale dei maschietti di mezzo mondo...dato che lo attacchi ovunque, cosa di meglio di un bel monchichi attaccato al grillino?

Anonimo ha detto...

ho semprer ritenuto che l'animaletto fosse una scimietta enon un orsetto

emiliano ha detto...

...il mio commento è sopravvisuto alla censura giornalistica!!!...w la libertà di parola!...sarà già l'effetto obama?...

__________________________________________________________
__________________________________________________________
__________________________________________________________

Writing for Comics di Alan Moore

Writing for Comics di Alan Moore
[...] Ma ovviamente, dal momento che stiamo parlando di un pubblico di massa composto da migliaia di singoli individui, non c'è alcun modo per l'artista di arrivare a conoscere i gusti di ciascuno di essi. La risposta convenzionale a questo dilemma, almeno stando a quanto si evince dal comportamento di parecchie grandi case editrici di fumetti, è tentare di non offendere nessuno[...]. Questo concetto evita oltretutto di considerare anche solo per un istante il vasto numero di potenziali lettori che non intendono sprecare il loro tempo con innocue pappette predigerite che hanno tutto l'aspetto di cibo letterario per bambini...il pubblico potenziale che esiste là fuoriè troppo ampio e variegato perchè lo si possa raggiungere applicando un qualunque criterio restrittivo basato sull'immagine ipotetica e assolutamente non verificabile di un immaginario "lettore medio" [...]. tratto da: Writing for Comics di Alan Moore...tutto il resto è noia.
__________________________________________________________

On Writing. Autobiografia Di Un Mestiere

On Writing. Autobiografia Di Un Mestiere
"Steve" King, la sua adolescenza tormentata, il suo approccio alla scrittura, molti straordinari consigli e qualche buon attrezzo del mestiere. Semplicemente illuminante.
__________________________________________________________

Racconti dal Sottobosco

Racconti dal Sottobosco
[...Nessuno di noi, tranne forse i bambini a cui il libro è rivolto, potrebbe mai credere all’amore sbocciato su di un davanzale tra una farfalla e una formica o al furto delle macchie di una coccinella eppure Silva è in grado di creare con la sua dolcezza espressiva e con la sua prosa asciutta ma mai banale quella “Sospensione della Realtà” che è l’ingrediente essenziale per ogni scrittore, quel patto non scritto che lega indissolubilmente un lettore alla storia che sta leggendo e Silva ci porta in punta di piedi tra il muschio odoroso e la terra umida del sottobosco rendendoci non spettatori passivi ma partecipi delle avventure del piccolo popolo. È proprio questo che fa di un racconto un buon racconto, l’instaurarsi di un legame forte tra la mente del lettore e le pagine di un’avventura che vorremmo non finisse, che ci risolleva e ci fa stare bene facendoci tornare per un attimo bambini quando nella terra bagnata dopo un temporale ci perdevamo ore a osservare quell’ipnotico brulicare di vita....] Recensione a cura di Mattia Sirocchi
__________________________________________________________

Il Distaccamento Po e La Resistenza dei Mezzanesi. di Lino Gelmini

Il Distaccamento Po e La Resistenza dei Mezzanesi. di Lino Gelmini
In un' Italia sempre più alla deriva ideologica, mi permetto di consigliarvi un libro scritto in prima persona da chi ha partecipato a liberare prima e costruire poi, rischiando tutto se stesso, il nostro Bel Paese; al contrario di tanti "intellettuali pieni di nulla" che parlano dall'alto dei loro scranni televisivi. Si tratta di pura ed emozionale Memoria Storica e di un accalorato omaggio a chi ha concluso troppo precocemente la propria vita, donandola al più alto tra tutti i valori: la Libertà. Una ricostruzione accurata e commovente di un piccolo comune del nord Italia che, come tanti in quegli anni, è stato teatro di sofferenze e speranze, vite e persone. Il libro in questione non è in vendita (e questo la dice lunga sulla bontà delle intenzioni) ma potete richiederlo all'Anpi o al comune di Mezzani Inferiore (Parma). Credetemi, se volete veramente sapere e capire qualcosa della Resistenza, vale la pena leggerlo e faticare un po' per procurarselo. Grazie di tutto "Nonno" Lino. E' stato un onore conoscerti.